logo-dealeronfire-principale

OPEC si accorda per abbassare i prezzi del petrolio

 

Dopo alcune settimane in cui il prezzo del petrolio ha raggiunto massimi che non si vedevano da tre anni e tensioni all’interno dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e i suoi alleati, arriva il tanto atteso accordo.

Così, gli Emirati Arabi Uniti, lungi dall’abbandonare il cartello come si temeva, hanno ceduto a aumentare la produzione da questo stesso mese di agosto per bilanciare domanda e offerta. I mercati non l’hanno vista con occhi buoni e hanno spinto al ribasso i prezzi del barile.

I produttori vedono un orizzonte con poche nuvole.

L’Opec e i suoi alleati hanno deciso di porre fine alla politica di tagli alla produzione. Ciò ha causato un aumento vertiginoso dei prezzi. Tra agosto e dicembre è previsto un aumento di 400.000 barili al giorno ogni mese da parte di Iraq, Kuwait, Russia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

La decisione si basa, secondo il cartello, sul fatto che la domanda mondiale di petrolio ha mostrato “chiari segnali di miglioramento” grazie ai vaccini e alla conseguente riattivazione economica. In effetti, ci si aspetta che la domanda globale superi i 100 milioni di barili al giorno per la prima volta entro l’anno prossimo.

Dopo un 2020 da incubo per i paesi produttori, il greggio Brent è aumentato finora del 43% quest’anno e di oltre il 60% rispetto alla scorsa estate.

Hashima, l'isolotto acquistato da Mitsubishi: da inferno minerario per 5.000 persone a meta turistica morbosa

Questa situazione è stata chiara a tutti, in quanto il costo per riempire il serbatoio ha toccato il massimo in sette anni.

Tuttavia, l’Agenzia Internazionale per l’Energia stima un deficit di 1,5 milioni di barili al giorno per la seconda metà di quest’anno.

L’annuncio del momentaneo cessate il fuoco ha provocato un calo dei prezzi di oltre il 7%, con un barile di Brent sotto i 70 dollari. Ma il cosiddetto ‘effetto piuma’ non ci farà notare questo calo per molto tempo.

Ed è il mercato che teme che la variante Delta e i picchi di contagi provochino un’altra debacle della domanda nel bel mezzo di una politica di aumento della produzione, da qui questo calo.

Come gli Emirati Arabi Uniti e il suo alleato Arabia Saudita siano riusciti a invertire uno stallo senza precedenti, non lo sapremo. “È un’arte, un segreto di stato”, ha detto il re dell’Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz.

 

Source link