La nuova Toyota Prius 2023. Sapete perché non sembra una Uber?

La nuova Toyota Prius 2023. Sapete perché non sembra una Uber?
La nuova Toyota Prius è la quinta generazione dell'auto ibrida più famosa al mondo. In Europa i tassisti non ne saranno certo entusiasti. Ho trovato almeno quattro ragioni per spiegarlo.
Toyota Prius 2023 Dealer On Fire 16

La Toyota Prius è un modello unico, e per diversi motivi. Se qualcuno ha trascorso gli ultimi 25 anni in un eremo, glielo ricorderò subito.

Quando la Prius ha debuttato nel 1997, è stata la prima auto ibrida prodotta in serie al mondo.

L’enorme successo di mercato raggiunto ha segnato la direzione in cui si sarebbe mossa l’azienda giapponese per i successivi 20 anni, seguita dall’intera industria automobilistica mondiale.

Se non fosse per la Prius, Toyota non sarebbe il più grande produttore di automobili del mondo e di conseguenza il mondo sarebbe diverso.

Non credo di aver esagerato molto. La Toyota Prius è sicuramente uno dei modelli di auto più importanti dell’ultimo quarto di secolo.

Con il suo insolito design a forma di cuneo, è stata associata a tecnologia avanzata, praticità, prestazioni senza problemi e… noia. Per questi motivi era molto amata da chi guidava il denaro, dai tassisti ai vari trasportatori occasionali.

È solo che la Toyota Prius di ultima generazione è cambiata molto, e in un modo che non piacerà ai tassisti.

Anche il ruolo che il modello ibrido di Toyota ha assunto da allora è completamente diverso. Questo perché nel frattempo anche il panorama automobilistico si è evoluto.

La nuova Toyota Prius non è più un’auto per autisti Uber? Guidando questo modello sulle strade, mi sono venuti in mente almeno cinque motivi. Il risultato è il seguente.

 

Toyota Prius 2023
Toyota Prius 2023

La Toyota Prius di quinta generazione è un’ibrida plug-in?

Questo non è del tutto vero, perché la nuova Prius viene offerta anche in versione ibrida classica in alcuni mercati (Stati Uniti e Giappone), ma nel Vecchio Continente arriverà solo la versione plug-in.

Perché è successo? La Prius, nel frattempo, ha smesso di essere la principale alternativa ibrida ad altri propulsori e non è più l’unico modello ibrido da molto tempo.

Toyota ha molte auto di questo tipo nella sua gamma europea, più economiche e probabilmente più pratiche. Per questo motivo, l’azienda giapponese non ha quasi nessun ibrido plug-in.

L’ultima generazione di Prius nella gamma europea di Toyota non è destinata ad essere un modello di massa. Sarà invece una “halo car”, un’auto che ricorda la storia e i successi del suo gruppo.

Invece di costruire le vendite di Toyota nel Vecchio Continente, la Prius 5 PHEV si occuperà della sua immagine.

La scelta di optare esclusivamente per la versione plug-in aumenta necessariamente il prezzo di questo modello. Non è ancora chiaro quanto costerà esattamente la Prius sul mercato, ma di certo non sarà economica.

Queste sono le conseguenze, tra l’altro, di una batteria più grande e di un caricabatterie di bordo rispetto a un ibrido classico.

Questo non piacerà alle società di taxi, agli autisti di Uber e ai concorrenti, perché la maggior parte di loro non utilizzerà comunque l’opzione di ricarica della batteria e la guida a emissioni zero.

Invece della Prius, sceglieranno un altro modello più economico. Ad esempio, la Toyota Corolla.

Leggi Anche:

 

La nuova Toyota Prius è meno pratica?

La quinta generazione della Prius è stata sviluppata sulla piattaforma TNGA di Toyota, o più precisamente sulla versione compatta GA-C. Si tratta quindi di un’auto molto moderna, con una struttura rigida, un peso ridotto e un baricentro così basso.

Di conseguenza, i suoi parametri sono cambiati. La lunghezza della carrozzeria non è cambiata, ma il passo è aumentato di 5 cm e l’altezza è diminuita della stessa quantità.

La nuova Prius ha quindi molto spazio per le gambe dei passeggeri della fila posteriore, ma poco per la testa.

Inoltre, il bagagliaio della Prius non è molto capiente, poiché la batteria più grande da 13,6 kWh e il serbatoio del carburante da 42 litri dovevano essere alloggiati da qualche parte. Gli ingegneri hanno fatto molta attenzione a ridurre le dimensioni e il peso di questi componenti e a inserirli nel modo più efficiente possibile nella carrozzeria, ma non si possono fare miracoli.

Anche questo non piacerà ai tassisti o ai loro clienti.

 

Toyota Prius 2023 Dealer On Fire 1 | Dealer On Fire

Le prestazioni della Toyota Prius non sono indispensabili ai tassisti.

Toyota ha sviluppato diverse versioni di motorizzazione della nuova Prius. In alcuni mercati sono o saranno disponibili varianti con motore a benzina da 1,8 e 2 litri, a due o quattro ruote motrici (E-Four), con o senza plug-in.

La casa madre europea ha optato solo per la versione 2.0 PHEV più costosa.

Un’auto di questo tipo ha buone prestazioni. Con una potenza di sistema fino a 223 CV, è la Prius più potente di sempre e accelera a 100 in 6,7 s e può percorrere fino a 69 km con la sola energia elettrica in condizioni favorevoli.

Anche il consumo di carburante rimarrà interessante, poiché in modalità ibrida il nuovo gruppo propulsore può funzionare senza l’utilizzo del motore a combustione fino all’80% del tempo.

Anche quando il motore a benzina è in funzione, consuma pochissimo, dato che ha un’efficienza record di oltre il 40 per cento. Ciò è dovuto alla filosofia di progettazione leggermente diversa dell’unità plug-in rispetto ai suoi concorrenti.

Molti trattano il motore elettrico come un’aggiunta al motore a combustione. Toyota ha dotato il progetto ibrido, in fase di sviluppo da decenni, della capacità di utilizzare una fonte di energia esterna, ma l’efficienza è ancora la priorità.

 

Toyota Prius 2023 Dealer On Fire 9 | Dealer On Fire

Quanta benzina consuma la nuova Prius?

È difficile dirlo, perché dipende dalla frequenza con cui si utilizza la modalità elettrica e se si carica la batteria con una fonte di alimentazione esterna.

Quando si viaggia con la corrente elettrica, ovviamente, il consumo di carburante è pari a zero. In questo modo è possibile viaggiare a una velocità massima di 135 km/h.

Più spesso utilizziamo la modalità ibrida e più lunghi sono i viaggi, più la Prius consuma. Con un mix operativo ragionevole e una ricarica regolare, il consumo di benzina non dovrebbe superare i 2 l/100 km, ma i test drive dei prototipi di pre-produzione sono stati troppo brevi per esserne certi.

Il consumo di elettricità in modalità EV, invece, è stato di circa 15 kWh.

Forse la convenienza della Prius plug-in sarà paragonabile alla versione ibrida classica, perché il peso maggiore è compensato dalla possibilità di utilizzare più spesso la modalità elettrica, ma il costo dell’acquisto di un modello del genere sarà troppo elevato per utilizzarlo per un trasporto occasionale.

I tassisti o gli “uber driver” non hanno bisogno di tali prestazioni e non vogliono pagarle.

In ogni caso, la versione “senza pilota” della Prius 2023 ha quasi 200 CV, quindi sarebbe lo stesso con essa.

 

La Toyota Prius sarà troppo cara per i lavori intensivi

Ho già accennato al prezzo, ma sarà proprio il prezzo il fattore decisivo per l’acquisto da parte di società di taxi o di autotrasportatori.

Toyota ha sviluppato un nuovo modello di Prius utilizzando audacemente una nuova tecnologia, e questo deve costare.

In cambio, otteniamo un’auto molto tecnologica e confortevole, ma certamente costosa.

Il prezzo della nuova Prius plug-in cambierà il profilo dei clienti. Smetterà di essere acquistata da persone che non possono separarsi da una calcolatrice e comincerà a essere acquistata da persone che vogliono proprio un’auto di questo tipo.

In passato, l’immagine della Prius era poco attraente. Era un modello che si faceva rispettare per la sua tecnologia e il suo funzionamento senza problemi, ma non era certo sexy. Le cose potrebbero cambiare ora, perché oltre al prezzo elevato, la Prius offre numerosi vantaggi.

Innanzitutto, forse per la prima volta in assoluto, la Toyota Prius ha un aspetto davvero attraente. Il design cuneiforme che rende il modello facilmente riconoscibile è stato mantenuto, ma la Prius di quinta generazione sembra comunque un’auto del futuro.

Inoltre, gli interni sono decorosi e quasi perfetti dal punto di vista ergonomico.

Per la Toyota Prius sarà più difficile conquistare i clienti, ma ha innegabili vantaggi
L’uso di due grandi schermi montati in alto è un’ottima soluzione, in quanto non richiede di distogliere lo sguardo dalla strada.

Nonostante gli schermi, all’interno sono rimasti molti quadranti e pulsanti tradizionali per la regolazione delle funzioni più importanti. Il sistema di bordo e la multimedialità hanno un aspetto attraente e sono facili da usare.

Allo stesso tempo, l’abitacolo della Prius conserva un carattere unico, sottolineato dall’insolito pannello centrale per la selezione della modalità di guida e delle operazioni di guida.

Solo un dettaglio mi preoccupa. Non è chiaro perché i progettisti abbiano utilizzato ben due pulsanti per regolare il funzionamento dell’azionamento, rendendo difficile capire come si influenzino a vicenda.

Quello inferiore consente di scegliere tra le modalità di guida ibrida ed elettrica. L’interruttore superiore lascia che sia l’automazione a decidere. Inoltre, premendo più a lungo quello superiore si attiva la modalità di ricarica della batteria tramite il motore a combustione, da utilizzare solo in situazioni eccezionali.

In pratica, la differenza tra la modalità automatica (EV/HV) e quella manuale (HV) è che in modalità ibrida impostata manualmente, l’unità della Prius PHEV si comporta come un ibrido classico, mantenendo costante la carica della batteria.

In automatico, cerca di percorrere il maggior numero di chilometri con l’elettricità e di ridurre al massimo le emissioni. Inoltre, imporrà la guida a zero emissioni nelle zone a trasporto pulito sulla base dei dati di navigazione.

Se a questo si aggiunge una modalità elettrica (EV) attivata manualmente che impedisce completamente l’avviamento del motore a combustione fino a quando la batteria non è scarica, la situazione diventa piuttosto complicata.

Si sarebbe potuto evitare limitando il numero di pulsanti a uno, che avrebbe attivato in sequenza tutte le modalità citate.

La presenza di due esemplari è probabilmente un “retaggio storico” delle precedenti generazioni di Prius.

 

Toyota Prius 2023 Dealer On Fire 12 | Dealer On Fire

La Toyota Prius potrebbe avere una batteria solare sul tetto.

Il nuovo modello presenta ancora degli svantaggi? A parte il prezzo elevato, anche se ancora sconosciuto, e lo spazio limitato nella parte posteriore, si tratta solo di piccole cose.

Ci si può lamentare della mancanza di un tergicristallo posteriore e del fatto che il tergicristallo anteriore lascia una grande chiazza di vetro sporco sul lato del passeggero. I vantaggi sono molti di più.

Le sue prestazioni sono buone, l’equipaggiamento generoso, la lunga autonomia in modalità elettrica e l’eccellente ergonomia degli interni.

C’è di più. È possibile acquistare un tetto con un pannello fotovoltaico che, in condizioni favorevoli, trasforma la nostra Prius in una macchina a moto perpetuo. Può estendere l’autonomia di oltre 7 km al giorno e di oltre 50 km alla settimana.

Se qualcuno vive in Arabia Saudita e guida poco, potrebbe non dover mai ricaricare o rifornire la sua Prius. In Italia, questo è piuttosto impossibile.

Per i potenziali clienti, il più grande vantaggio della nuova Toyota Prius sarà la storia del modello, che l’ha resa una leggenda.

C’è sicuramente chi è in grado di spendere molto denaro per acquistarne un pezzo. La Toyota Prius porta sulle spalle quasi tutta l’immagine del marchio più famoso al mondo, ma con il tempo ci sono sempre meno motivi pratici per acquistare questo modello.

Ecco perché alla vista della nuova Prius si può gridare: addio tassisti, ciao hipster. Io, al volante, mi sentivo decisamente un membro del secondo gruppo.

Leggi Anche:  Toyota Prius 2023 plug-in Hybrid: caratteristiche e prezzi

Archivi
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit
Telegram

Offerte della Settimana

fiat tipo promozioni e offerte dealer on fire 11

Fiat Tipo

Da € 21.500

Maserati Ghibli Dealeronfire Img.in evi_risultato

Maserati Ghibli

Da € 90.330

Immagine in evidenza SsangYong-Rexton_risultato

Ssangyong Rexton

Da € 40.500

Renault Twizy Electric Dealeronfire Imm.in evi_risultato

Renault Twizy Electric

Da € 7.750

Audi A5 Cabriolet

Da € 56.650

ford mondeo promozioni e offerte su dealer on fire 6

Ford Mondeo

Da

Le Offerte Auto Usate, Km Zero e Aziendali

Audi Q3
15
Audi Q3
Q3 SPB 35 TDI S tronic
Arezzo - Gp Motors
€48.900,00
2021
3.213 Km
Diesel
Automatico
Arezzo
Audi Q2
15
Audi Q2
Q2 30 TFSI S tronic Business
Arezzo - Gp Motors
€27.900,00
2019
37.800 Km
Benzina
Automatico
Arezzo
SUZUKI Jimny
9
SUZUKI Jimny
1.5 DDiS cat 4WD JLX
Lucca - Suncar S.p.A.
€8.500,00
2007
261.000 Km
Diesel
Manuale
Lucca
Peugeot 308 1ª serie
9
Peugeot 308 1ª serie
Peugeot 308 1ª serie 1.6 HDi 112CV CC Tecno
Caserta - D.Car Motors
€6.400,00
2010
166.222 Km
Diesel
Manuale
Caserta
CITROEN C3
11
CITROEN C3
1.4 HDi 70 Exclusive
Lucca - Suncar S.p.A.
€5.000,00
2011
238.000 Km
Diesel
Manuale
Lucca
PORSCHE Macan
13
PORSCHE Macan
3.0 S Diesel
Potenza - Caldararo
€39.000,00
2015
206.000 Km
Diesel
Automatico
Potenza
0 0 Voti
Voto Articolo
Subscribe
Notify of
guest
Anche Soprannome
Per verifica che non sia uno spammer
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Dealer On Fire si impegna ad aggiornare con tempestività dati e contenuti del sito. Tuttavia Dealer On Fire non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali errori e/o omissioni, danni diretti e indiretti derivanti dall’utilizzo di questa piattaforma web.

Ricerche Veloci

Dealer On Fire – Promozioni Auto Nuove – Copyright © 2023 – C.F: CRDVNI77C29H501U

0
Scrivi la tua opinione.x
()
x